La nostra ditta per il servizio di manutenzione e la scadenza delle varie operazione segue le indicazioni della normativa UNI 11222 Luce e illuminazione Impianti di illuminazione di sicurezza negli edifici.     
TERMINI E DEFINIZIONI

sistema per illuminazione di sicurezza a verifica automatica: Sistema provvisto di funzioni di diagnosi che può comprendere segnalazioni di stato a bordo e/o in remoto. Il sistema può essere individuale o controllabile in modo centralizzato da dispositivi esterni.

apparecchio per illuminazione d’emergenza ad alimentazione centralizzata: Apparecchio permanente o non permanente alimentato da un sistema di emergenza centralizzato, cioè non incorporato nell’apparecchio.

apparecchio per illuminazione d’emergenza di tipo autonomo: Apparecchio del tipo permanente o non permanente nel quale tutti gli elementi, come la batteria, la lampada, l’unità di controllo e i dispositivi di prova e di segnalazione, se previsti, sono incorporati nell’apparecchio o adiacenti ad esso (ovvero, entro 1 m di lunghezza del cavo).

autonomia di impianto: Autonomia di funzionamento, in modo emergenza, richiesta nell’impianto specifico.

manutentore: Persona fisica e/o giuridica preposta all’espletamento del servizio di manutenzione delle apparecchiature dell’impianto di sicurezza e dei suoi componenti, e che opera secondo la legislazione vigente.

registro: Documento in cui sono registrati gli interventi di verifica periodica, manutenzione periodica e revisione eseguiti sulle apparecchiature che realizzano il sistema di illuminazione di sicurezza, redatto in conformità alla legislazione vigente.

sistema di verifica automatica: Sistema costituito da componenti e dispositivi quali temporizzatori, rivelatori di corrente, sensori di luce, ecc., che svolge automaticamente le verifiche periodiche degli impianti per illuminazione d’emergenza e fornisce indicazioni sui risultati di prova.

sistema di alimentazione centralizzata a bassa potenza (sistema LPS Low Power Supply): Sistema di alimentazione con limitazione della potenza in uscita del sistema a 500 W per 3 h o di 1 500 W per 1 h.

sistema di alimentazione centralizzata (sistema CPS Central Power Supply): Sistema di alimentazione che fornisce tutta la potenza di emergenza richiesta dalle apparecchiature senza alcuna limitazione della potenza.

Verifiche periodiche

Generalità

Per l’esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all’impianto, compresa l’eventuale documentazione di progetto. Le verifiche periodiche consistono in operazioni in grado di controllare lo stato di funzionamento degli apparecchi di illuminazione e segnalazione di sicurezza nella posizione in cui sono installati, individuandone le eventuali anomalie e/o guasti con particolare riferimento a:

  • presenza dell’apparecchio, nella posizione intesa secondo quanto previsto dalla legislazione vigente e nel progetto del sistema;
  • assenza di oggetti o altro che possa in qualche modo compromettere l’efficacia dei dispositivi di illuminazione di sicurezza (per esempio arredi che impediscono la corretta illuminazione di attrezzature antincendio);
  • assenza di rotture della struttura delle apparecchiature o degrado della stessa tale da comprometterne la sicurezza della funzione ed il rispetto delle prescrizioni di impianto;
  • accertamento che l’apparecchio sia effettivamente in ricarica in presenza di rete di alimentazione. Se applicabile, la verifica può essere effettuata mediante l’indicatore di funzionamento (LED);
  • verifica funzionale programmata prevista per accertare la funzionalità complessiva delle apparecchiature, in particolare la corretta commutazione e la funzionalità della sorgente di illuminazione;
  • verifica programmata di autonomia prevista per accertare che l’autonomia di impianto, a seguito del tempo di ricarica previsto, in conformità con la legislazione vigente, sia assicurata.

Le verifiche periodiche devono essere suddivise nelle seguenti tipologie:

  • verifica di funzionamento;
  • verifica dell’autonomia

Verifica generale

Le  verifiche  generali, con frequenza almeno annuale (è consigliata una periodicità semestrale). Esse consistono nella verifica complessiva dell’efficienza degli apparecchi di sicurezza o dell’alimentazione centralizzata (gruppo soccorritore) e del rispetto dei requisiti illuminotecnici di progetto mediante esecuzione delle seguenti operazioni:

  • relativamente all’impianto di illuminazione di sicurezza:
  • verifica del grado d’illuminamento di locali, percorsi, scale di sicurezza, ostacoli, ausiliari di sicurezza, ecc. nel rispetto di quanto richiesto dall’ambiente di installazione, dalla legislazione vigente e dalle norme di buona tecnica in vigore;
  • relativamente al sistema di alimentazione centralizzato:
  • verifica del funzionamento del comando di spegnimento del sistema di alimentazione centralizzato,
  • verifica della tensione d’uscita in emergenza e del valore di carico,
  • verifica del sistema di inibizione, se presente.

Verifica di funzionamento

Esse consistono nell’effettuazione, in aggiunta alle ulteriori indicazioni eventualmente fornite dal costruttore (foglio di istruzioni) e/o dall’installatore, delle seguenti operazioni:

  • verifiche relative agli apparecchi di illuminazione sia autonomi sia con alimentazione centralizzata:
  • verifica dell’effettivo intervento in emergenza di tutti gli apparecchi,
  • verifica delle condizioni costruttive degli apparecchi con eventuale sostituzione delle lampade o dei particolari di materia plastica danneggiati,
  • verifica della operatività del sistema di inibizione, dove presente,
  • verifica dell’integrità e leggibilità dei segnali di sicurezza in relazione alle distanze di visibilità,
  • verifica del degrado delle lampade o dei tubi fluorescenti (assenza di annerimento),
  • verifica del numero e della tipologia degli apparecchi installati, con relativi dati di ubicazione e di prestazioni illuminotecniche in conformità con il progetto originale,
  • verifiche relative alle sorgenti di alimentazione centralizzata:
  • verifica delle indicazioni/segnalazioni fornite dal pannello/display del gruppo soccorritore,
  • verifica della operatività del sistema di inibizione, dove presente,
  • verifica delle corrette operazioni del sistema nel funzionamento di emergenza mediante le indicazioni/segnalazioni fornite dallo stesso.

Le verifiche elencate devono essere eseguite con frequenza almeno semestrale, ad eccezione di specifiche disposizione legislative.

Verifica dell’autonomia

Le verifiche dell’autonomia con frequenza almeno annuale (è consigliata una periodicità semestrale). Esse consistono nella misurazione dell’autonomia dell’impianto ad alimentazione centralizzata (gruppo soccorritore) o di ogni singolo apparecchio di illuminazione di tipo autonomo, mediante esecuzione della seguente operazione:

– verifica dell’intervento e della durata di funzionamento in modo  di  emergenza mediante procedure di simulazione di interruzione o interruzione dell’alimentazione ordinaria e misurazione della durata di accensione di tutti gli apparecchi di tipo autonomo o collegati all’impianto di alimentazione centralizzata per il tempo richiesto dall’ambiente d’installazione, a seguito del tempo di ricarica in conformità con la legislazione vigente (esame a vista).

Se gli apparecchi non garantiscono l’autonomia di impianto, le batterie devono essere sostituite.

Nel caso di impossibilità di effettuazione della verifica dell’autonomia con esame a vista contemporaneo del momento di effettivo spegnimento di tutti gli apparecchi installati, è necessario l’impiego di apparecchi e/o sistemi di illuminazione di emergenza che consentono la verifica automatica dell’effettiva autonomia, secondo modalità da definirsi con apposito progetto, che tenga conto delle condizioni d’uso e dei vincoli strutturali dell’impianto.

Con l’impiego di apparecchi e sistemi dotati di verifiche automatiche secondo le sequenze indicate ai punti precedenti, è sufficiente effettuare la verifica dei rapporti di prova e/o degli indicatori luminosi di cui sono muniti. Tali rapporti di prova ed i risultati delle verifiche, nonché equivalenti registrazioni su archivi software, sostituiscono e/o integrano il registro dei controlli.

Manutenzione periodica

Gli interventi di manutenzione periodica e le azioni correttive devono essere effettuati con una frequenza semestrale (consigliata). Essi consistono in una serie di operazioni programmate che consentono di mantenere gli apparecchi in condizioni di efficienza, far sì che l’impianto assicuri le proprie funzioni di sicurezza nel tempo e di ridurre la probabilità che insorgano eventuali condizioni di guasto e/o pericolo, con particolare riferimento ai seguenti aspetti:

  • ripristino dell’apparecchio nel caso non sia presente, nella posizione intesa secondo quanto previsto dalla legislazione vigente e nel progetto del sistema;
  • rimozione degli oggetti o altro che possano in qualche modo compromettere l’efficacia del dispositivo (per esempio arredi che impediscono la corretta illuminazione di attrezzature antincendio quali estintori);
  • ripristino dell’apparecchio che evidenzi rotture della struttura o degrado della stessa tale da comprometterne la sicurezza della funzione e il rispetto delle prescrizioni di impianto;
  • ripristino delle apparecchiature che evidenzino un guasto ovvero la non corretta funzionalità della sorgente di illuminazione e/o della batteria.

Tutti i seguenti interventi di manutenzione periodica devono essere eseguiti da personale qualificato in possesso di adeguata formazione e di conoscenze specifiche della manutenzione elettrica, in conformità con le indicazioni del costruttore:

  • interventi sugli apparecchi di illuminazione sia autonomi sia con alimentazione centralizzata:
  • esame generale dell’intero impianto d’illuminazione e segnalazione di sicurezza per la verifica dello stato di tutti i componenti,
  • pulizia dei segnali indicanti le vie di esodo,
  • pulizia del diffusore e del riflettore degli apparecchi di illuminazione,
  • serraggio morsettiere e sistemi di aggancio,
  • sostituzione delle lampade o dei tubi fluorescenti in caso di mancata funzionalità (accensione),
  • sostituzione delle batterie in caso di mancata funzionalità (autonomia);
  • interventi sulla sorgente di alimentazione centralizzata:
  • serraggio delle morsettiere e delle connessioni,
  • pulizia delle batterie ed ingrassaggio morsetti,
  • pulizia delle griglie e delle ventole per il raffreddamento.

Nella fase di manutenzione, tutte le operazioni effettuate devono far conservare agli apparecchi o al gruppo soccorritore la conformità all’impianto originale.

Nel caso in cui nell’esercizio dell’impianto si evidenzino rotture e/o danneggiamenti, occorre ripristinare le condizioni iniziali.

Le eventuali anomalie riscontrate devono essere prontamente annotate ed eliminate, se è possibile, con un’azione correttiva immediata; diversamente devono essere tempestivamente segnalate al responsabile del servizio di prevenzione e protezione.

Gli interventi devono essere eseguiti da personale qualificato in possesso di adeguata formazione e devono essere annotati sull’apposita scheda del registro.